Il meglio del 2015: libri sul graphic design

Ancora libri: testi freschi di stampa, usciti negli ultimi 12 mesi, su graphic design, vita da freelance e creatività in senso lato. Testi fondamentali che, intenzionalmente, offrano solo marginalmente uno showcase di lavori bellissimi ma invitino, soprattutto, ad un profondo ragionamento teorico sulle basi di questo mestiere.

 

 

1

Graphic Design: The New Basics di E. Lupton e J.C. Philips

Sette anni dopo il primo Graphic Design: The New Basics, è uscito lo scorso luglio la versione aggiornata e ampliata. Molti i nuovi argomenti trattati dal testo: tipografia, infografica, principi della Gestalt e nuovissimi materiali su Colori, Gerarchia e Griglie. Il volume si arricchisce con oltre 80 pagine di nuovi contenuti e parecchio materiale didattico.

 

2

Creative Anarchy: How to Break the Rules of Graphic Design for Creative Success di D. Bosler

Stufi di sentirvi dire “segui le regole”, “colora tra le linee” o “non usare più di due caratteri per un progetto”? Questo libro fa per voi: Denise Bosler, pur partendo dalle fondamentali regole del design (per rompere le regole, bisogna prima conoscerle!), propone ispirazioni, esercizi e consigli per imparare ad usare – o non usare – i principi del design. Un volume ricco di esempi visivi e diviso per applicazioni (poster, logo, siti web, pubblicità, editoria, eccetera), perfetto per imparare a spingersi consapevolmente oltre i confini.

 

2

Becoming a Graphic & Digital Designer: A Guide to Careers in Design di S. Heller

Un testo rivolto in particolare ai più giovani ma, perché no, ricco di ispirazioni e spunti di riflessione anche per chi ha già qualche anno di professione sulla schiena. Moltissimi i contenuti, e di vario genere: dagli aspetti più culturali (educazione al design, creatività, tipi di carriera) a quelli più pratici (preparare un portfolio, ricercare ispirazione, farsi notare). Completano il volume importanti interviste ricche di consigli da parte di alcuni dei più grandi designer contemporanei, inclusi Michael Bierut e Stefan Sagmeister.

 

 

3

Graphic Design Visionaries di C. Roberts

La storia del graphic design dagli anni ’50 ad oggi, raccontata attraverso le vite, i lavori e i racconti di 75 dei più grandi designer contemporanei in ogni campo: dal design ai poster, dai film alla tipografia, dalla scuola svizzera all’antimodernismo.

 

 

4

Manuals 2 di T. Brook e A. Shaughnessy

Dopo il grande successo di Manuals 1, Unit Editions pubblica finalmente una seconda raccolta con 20 nuovi esempi di manuali d’identità di aziende statunitensi ed europee: IBM, Bell, Knoll, Montreal Olympics, solo per citarne alcune. Il volume è ricco di fotografie e accurate descrizioni, e si completa con alcuni saggi e interviste ai più grandi esperti internazionali di identity design. 

 

 

5

How to use graphic design to sell things, explain things, make things look better, make people laugh, make people cry, and (every once in a while) change the world di M. Bierut

Michael Bierut non ha bisogno di presentazioni: è uno dei più influenti designer viventi, è docente a Yale, ha lavorato con Vignelli e Pentagram, vincendo a mani basse qualunque premio disponibile nel panorama internazionale. Questo testo è per metà il suo manifesto creativo e per metà la sua biografia professionale. Bierut racconta nei particolari oltre 30 dei suoi migliori progetti: dal briefing al processo creativo, dal suo lavoro quotidiano alla relazione col cliente. Una case-history onesta, dettagliata e d’ispirazione.

 

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *