Cosa c’è da sapere su iPhone5

di 13 settembre 2012 0 0

Piaccia o non piaccia, alla fine è arrivato anche iPhone5.  Tim Cook (con l’aiuto di Phil Schiller), sul palco dello Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco, ha presentato ieri il nuovo gioiellino di casa Apple. Per chi si fosse perso la cosa, sul sito di Apple si può vedere l’intero keynote di presentazione.

Ho seguito ieri la diretta su Macity.net, vediamo di riassumere per sommi capi le principali novità – così se stasera gli amici vi chiederanno “Sì, va beh, a me sembra uguale al 4S!”, potrete snocciolare una fila di importanti news e atteggiarvi da veri geek.

 

DIMENSIONI
È lo smartphone più sottile al mondo: solo 7,6 mm (-20% rispetto al 4S). Pesa 112 grammi (-20% del 4S, che in effetti non era leggerissimo). Lo schermo touchscreen ha mantenuto la stessa base ma è stato alzato: ora la diagonale è di 4″ con risoluzione 1136×640 pixel. Per intenderci, ci sta una intera riga di app in più. I sensori del touch, integrati nel display, hanno permesso una riduzione di peso e spessore generali, rendendo al contempo più nitide le immagini.

CONNETTIVITÀ
Ce n’è per tutti: GPRS, EDGE, EV-DO, HSPA, HSPA+, DC-HSDPA e la nuova tecnologia LTE che permette una velocità teorica di 100Mbps. LTE è già mediamente diffusa in USA, in Europa arriverà con un po’ di ritardo. Il Wi-fi rispetta i protocolli 802.11 a/b/g/n a doppia banda, sia 2.5 che 5Ghz.

CHIP E BATTERIA
Aggiornato il chip con il nuovissimo A6, che permette migliori prestazioni sia di CPU che di GPU, riducendo al contempo i consumi rispetto all’A5. La batteria è stata migliorata, arriva fino a 225 ore in standby, 40 ore di ascolto musica e 8 ore di conversazione in 3G.

FOTOCAMERA
Da molti è stata definita la vera delusione di iPhone5: 8 megapixel, 3264×2448 pixel di risoluzione, flash LED e apertura f/2.4. Il controllo software è stato migliorato, con la combinazione di pixel multipli per garantire un’elevata riduzione del rumore, filtri intelligenti ed un’aumentata velocità di scatto. Ci si aspettava di più: in realtà, megapixel e risoluzione della fotocamera su iPhone5 sono gli stessi di Samsung Galaxy S III, del prossimo Motorola Razr HD, del Lumia 920 e di LG Optimus 4X HD, prodotti di punta delle rispettive aziende.

CONNETTORE
Va in pensione il vecchio 23 pin, che ormai ha 9 anni compiuti. Il nuovo connettore si chiama Lightning ed è più piccolo. Nessuna paura per chi ha vecchi dispositivi: Apple ha già previsto tutti gli adattatori del caso.

iOS 6
Il nuovo sistema operativo promette di fare scintille. Prima novità, Mappe: completamente ridisegnato in collaborazione con TomTom, il software permette ora la navigazione stradale, le immagini satellitare e una nuovissima camera cinematica per girare intorno agli edifici in 3D. Facebook e Twitter sono arrivati nel centro notifiche (niente di nuovo per i jailbreakers che usavano Cydia). Molte apps, inclusa Safari, vanno in fullscreen e permettono la modalità di navigazione a pannelli. Novità assortite per Mail (tipo il flag dei messaggi). Introduzione di Passbook, una sorta di portafoglio virtuale dove inserire coupon, carte di credito, biglietti del cinema, biglietti aerei, e pagare senza dover fisicamente portarseli dietro (certo, bisognerà vedere quando il servizio sarà attivato in Italia…).

SIRI
Finalmente arriva l’assistente vocale localizzato in italiano; nella versione di iOS6 è stato pesantemente migliorato (più di 200 le novità), permettendo di prenotare un ristorante nelle vicinanze o postare direttamente contenuti su Facebook e Twitter. Oltre che, naturalmente, interagire con Mappe e guidarci in un posto specifico.

DATE E PREZZI
iOS6 è già in arrivo il prossimo 19 settembre. Per iPhone5 in Italia, invece, bisognerà attendere il 28 settembre.
I prezzi (senza contratto telefonico, ovviamente) sono gli stessi del 4S: 199 dollari per il 16GB, 299 dollari per il 32GB e 399 dollari per il 64GB. Inutile dire che la conversione in euro ci regalerà l’ennesima mazzata (per intenderci: dubito che il modello più capiente costerà solo 308 euro).

 

Ed ecco le prime foto, pubblicate da Macity ieri durante la diretta da San Francisco.

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *