Internet Bene Comune

di 18 aprile 2012 2 0

Internet è molte cose: è democrazia, è informazione, è cultura, è scoperta, è economia, è creatività. A testimoniarlo sono i numeri: la Rete nel Regno Unito incide sul PIL per un 8,3%; in Giappone e in USA raggiunge il 4,7%; in Italia è attestato al 2,0%. Internet è il più potente mezzo di relazione mai esistito: è una piattaforma straordinaria per la cultura, l’informazione e l’intrattenimento, candidato da Wired Italia al Premio Nobel per la Pace 2010.

Ma non tutti ne sono consapevoli: Iran e Cina vengono quotidianamente presi come esempio di governi poco propensi alla diffusione della Rete; e la recente crisi nel Mediterraneo ha dimostrato come la strategia della repressione passi anzitutto dal blocco delle comunicazioni via web. The Guardian, tra le altre cose, ha recentemente pubblicato un’interessante mappa globale della censura della Rete.

Anche in Italia non navighiamo nell’oro: solo il 57% della popolazione ha accesso alla Rete (nell’UE la media è del 71%); solo l’8% della spesa pubblica è dedicata all’e-government, contro il 21% comunitario; temi come la diffusione della banda larga o il wi-fi gratuito da noi sono ancora fantascienza; tentativi di democrazia online come quello di Grillo (con tutti i dovuti distinguo, per carità) vengono bollati come semplice “antipolitica”. Molti ricorderanno che fino all’anno scorso eravamo sull’orlo di approvare una legge bavaglio che avrebbe complicato la libertà d’espressione di molti blogger.

Per questo motivo, pochi giorni fa è nato il movimento Internet Bene Comune: una campagna di sensibilizzazione rivolta a cittadini, amministratori, imprese e istituzioni che mira a diffondere una maggiore consapevolezza dell’importanza fondamentale che la rete ha in tutti gli ambiti del nostro vivere quotidiano. Per porre l’accento sull’identità di internet, il movimento propone a tutti gli abitanti della Rete di dare la propria definizione di bene comune; e di contribuire alla diffusione del progetto attraverso i social media o il download dell’opportuno Supporter Kit.

Fateci un giro. Potrebbe essere un’iniziativa tra le tante, destinata a scontrarsi contro il muro di gomma delle nostre istituzioni medievali; oppure, potrebbe valerne del nostro futuro di internauti.

 

 

2 Comments
  • Chiari
    aprile 19, 2012

    Pupapipi la terra dei cachi!

  • OniceDesign
    aprile 19, 2012

    Ti devo una pinza!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *